La rivolta impossibile: Biografia di Lucio Mastronardi Cercasi Disperatamente

E’ con grande stupore e curiosità che ho letto dell’uscita di una biografia di Lucio Mastronardi.  Voglio raccontare delle piccole ma emblematiche vicissitudini che ho incontrato per entrarne in legittimo possesso, e anche del senso di frustrazione che ha accompagnato la sua ricerca, cosa che, in piccolo,  ha molto a che vedere con ciò che la biografia racconta.
Lo ordino immediatamente su Amazon, più comodo; dopo un mese niente! Richiesto, non è disponibile! Comincio ad innervosirmi e nella mia concitazione mentale penso “Cavolo, è già esaurito!”,  poi ricompongo i dati e mi dico che è impossibile, ricomincio a pensare a come fare per averlo.  Mi trovo ad aspettare un treno in stazione Centrale a Milano, ho in mente questo libro ed ovviamente entro a passo sicuro nel super-mega-stra-store della Feltrinelli, sono sicura di trovarlo. Non ne vedo l’ombra, in fondo Milano si trova a pochi km da Vigevano, Mastronardi ci ha anche vissuto per un po’ a Milano, ma come è possibile! Chiedo ad una ragazza del piano terra, mi fa ripetere due volte autore e titolo, ma è straniera, ci sta, comunque mi rimanda al terzo piano, alle biografie. Ci vado.  A questo punto, non trovandone traccia, chiedo ad un  grigissimo, se pur giovane, commesso.  Anche lui mi fa ripetere tre volte autore e titolo poi, dopo una pausa piena di perchè, mi chiede pure la casa editrice, che ricordo a malapena, non ne sono così certa, ma lo trova;  su quello schermo grigio come la sua faccia, i suoi occhi si fissano su una riga precisa del monitor, la leggono, poi mandano la traccia visiva al suo circuito verbale e lui, con tono monocorde e totalmente inconsapevole della gravità di quello che sta per dirmi, afferma  “C’era solo una copia ed è stata venduta”.  Ma queste notizie non si può darle in questo modo, poteva dire che non c’era e basta, sarebbe stato meglio, quell’ unico che c’era è stato venduto” è stato terribile. Ho invidiato l’ignaro possessore. E’ stato un colpo basso, un colpo di scena: questo tipo di risposta, ve lo assicuro, sapendo che non potevo nemmeno rifarmi su Amazon,  nè su IBS, per un book addict, è veramente frustrante, credetemi. Non riesco a trattenermi e gli rispondo, vorrei dire “indignata”, ma sta parola non la sopporto più, come quell’altra, “complici”, e allora dirò irritatissima-issima  “Ma non è possibile che teniate solo una copia e che, venduta quella, non ce ne sia nemmeno un’altra di riserva da mettere sullo scaffale, che organizzazione avete?!  In una libreria come questa!” e quello, mascherato nella sua faccia grigia, fissa ancora il monitor ma, anziché star zitto, che sarebbe stato perfetto per uno che non capisce niente di libri e potrebbe vendere lombrichi con lo stesso stile, fiata “Noi guardiamo al mercato, se era un Gramellini ne trova cento di copie!”. Che tristezza.  A me piace la scrittura di Gramellini, ma in quel momento ho detestato anche lui. Se io voglio un De Gennaro perchè dovrei accontentarmi di un Gramellini. Avrei voluto dirgli qualsiasi cosa che fosse di deploro oltre ad un sintetico “Sei un ignorante senza sentimenti”.  Non ho detto niente e sono scesa.  Mi blocco nell’andirivieni della gente e mando un sms al volo a una persona che in quel momento so che sta a Vigevano, che entrerà nell’unica libreria della città rimasta (in una città di quasi sessantamila abitanti, Giorgio Bocca docet) e che, finalmente, mi comprerà la biografia di De Gennaro sullo scrittore.
Finalmente  ho divorato il libro ed  ho ritrovato le perplessità di De Gennaro che, in luoghi e situazioni ben diversi e più prestigiosi della Feltrinelli di Milano Stazione Centrale, ha percepito lo stesso senso di straniamento, allontanamento, oblio oppiaceo verso un autore che ha raccontato il mondo prodromo di quello che sarebbe stata l’Italia intera dagli anni ottanta del  secolo scorso ad oggi.  Quell’ Italia che Mastronardi saprebbe leggere con facilità e che quel commesso, magari col contratto in scadenza a giorni, ha così efficacemente espresso.

Il libro tanto intensamente cercato:
La rivolta impossibile. Vita di Lucio Mastronardi
Riccardo De Gennaro
Ediesse, 2012

Advertisements

  1. Anch’io ho cercato di acquistare il libro tramite la feltrinelli di pavia ma non sono riuscito ad averlo perché non è disponibile. Sai se nella libreria di vigevano esistono ancora delle copie? E poi di quale libreria parli? Grazie

    Stefano

    • Credo proprio che tu possa trovarlo alla Feltrinelli di Vigevano in piazza Ducale, semmai telefona prima e prenotalo; evidentemente quelli della feltr lo ritengono un business solo a Vigevano, come il beato Matteo.

      • Ok, alla feltrinelli (ma allora le due feltrinelli – quella di pavia (dove l’avevo prenotato) e quella di vigevano – non potevano comunicare tra loro?). Se mercoledì, come penso, passerò da vigevano vedrò se riesco a procurarmi questo libro che ci terrei a leggere. In alternativa ce ne sono due copie alla biblioteca lucio mastronardi (ma sono perennemente in prestito). Grazie e ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...