L’Atelier dei miracoli di Valérie Tong Cuong – Recensione

latelier_dei_miracoliAlle volte la vita ci trascina via, come una piena di fiume. Sì, certo, potreste obiettare cosa ci si stia a fare sull’argine di un fiume in piena. Rispondere sarebbe un’altra storia. I protagonisti Millie, Mike e Mariette non si conoscono, sono tutti e tre sull’argine del fiume delle loro vite quasi immobili, bloccati, quando un evento dà corso a un nuovo rivolo di vita, diversa da prima. Nessuno dei tre si era reso conto prima di quanto fosse stato in pericolo eppure, viveva. Ciascuno di loro, nei modi di sempre che da anni trascinava stancamente, illudendosi che quella fosse la vera vita. Ma non lo era. La strada intrapresa anni prima non era consapevole, ma semplicemente seguiva la china di un logico destino, e invece….rendersi conto di essere soli, pur avendo dei genitori (Millie), decidere di non rappresentare più la Maschera del guerriero (Mike) o lasciarsi andare ad esternazioni non congrue, anzi violente, con un alunno, che fanno esasperare il marito “perfetto” (Mariette), costringono i nostri tre personaggi a cambiare rotta da vite che altro non erano che un diversivo per arrivare fin lì, e da lì poter partire. Il resto del romanzo…è tutto per voi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...