Silenziosamente al mattino spicca il tuo volo: la recensione di Quarta di copertina

copertina Silenziosamente

Ringrazio Chiara del blog Quarta di copertina per la bella recensione che pubblico qui di seguito.
Potete leggere l’originale al seguente link.

Ambientato in un prossimo futuro, quando sul pianeta si attende un cataclisma fatale per la terra e i suoi abitanti.
Nonostante le drastiche notizie annunciate dai media, ci sono persone fra le quali Giorgio che non si rassegnano a rinunciare a vivere la propria vita.
Il protagonista, Giorgio appunto, decide che la sua situazione familiare ormai si è fatta stretta per lui, è arrivato il momento di prendere in mano se stesso e le sue responsabilità per poter assaporare quella dolce ebrezza che solamente una libertà accompagnata da un impegno di vita in prima persona possono dargli.
Lettura piacevolissima, con punte di ironia notevole, molto ben caratterizzati i personaggi ognuno dei quali rappresenta una tessera indispensabile alla costruzione di questa costruzione perfettamente in equilibrio fra il serio e il faceto.
Le pagine scorrono una dopo l’altra donandoci sensazioni profonde e leggere al tempo stesso.
Al termine della lettura ci si rende conto di quanto Gina, Tina, il vecchio Padre, Pegy, già ci manchino con la loro innegabile simpatia.
Ce la farà il nostro Giorgio? Quale speranza per la sopravvivenza della terra?
Le risposte all’interno del racconto di Enrica, buona lettura.

Annunci

Concorso di poesia Haiku

InstagramCapture_7abb851e-8c28-44dc-8041-22fecf7d6f65

L’esperienza del piccolo concorso di poesia dorsale lanciato su questo blog è stata stimolante e divertente. Perciò ho pensato di lanciare un nuovo concorso dedicato agli haiku.
Lo haiku è una forma di poesia nata e diffusa in Giappone dal XVII secolo: si tratta di componimenti molto brevi, di solito composti da tre versi a loro volta formati da 17 sillabe. In teoria le sillabe dovrebbero essere così distribuite: cinque nel primo verso, sette nel secondo, ancora cinque nel terzo e ultimo verso.
Volete leggere un esempio? Ecco un haiku che ho pubblicato qui nel blog.
Lancio quindi un nuova sfida:
1) dovete rispettare i parametri dell’haiku che vi ho appena descritto
2) il tema delle poesie è libero
3) chiunque può partecipare e inviare la propria poesia
Inviate i vostri haiku a silenziosamentealmattino@gmail.com entro il 17 maggio 2015.
Il 25 maggio 2015 pubblicherò il nome del vincitore che sarà scelto da me personalmente e si aggiudicherà in premio i miei libri in formato ebook Silenziosamente al mattino spicca il tuo volo e Pieno di Luna.

Silenziosamente al mattino spicca il tuo volo 3

Il titolo Silenziosamente spicca il tuo volo è un principio espresso nell’antichissimo Libro del Sigillo del Cuore. Io l’ho trovato talmente poetico da renderlo il titolo di questo romanzo. Significa un’infinità di cose, tutte quelle che io ho cercato di esprimere, più tutte quelle che voi capirete leggendolo. Questa è la bellezza dello spirito che unisce tra loro i lettori, trasduttori viventi di energie, a loro volta uniti a tutti coloro che li hanno preceduti nei secoli, dacchè l’uomo ha acquisito la coscienza ed ha cominciato ad esprimere sentimenti, emozioni, opinioni.
Noi siamo portatori di forze che percepiamo se non in minima parte:  per questo le sottovalutiamo o le sprechiamo o le utilizziamo malamente. Dalla lettura si capirà come tutti i veri cambiamenti della coscienza dipendano dal cuore. “Silenziosamente…” parla di giovani ai vecchi e di vecchi ai giovani, ma anche di persone che avrebbero un’età matura e dalle quali ci si aspetterebbero comportamenti maturi che invece mancano, parla di animali “sapienti”; parla di un percorso unico per tutti,  che è anche la strada che ognuno di noi sta percorrendo, e del fatto che, pur essendo unica, la si può percorrere in mille modi diversi. Ci racconta anche della diversa reazione dei vari personaggi quando, nell’apparente banalità della vita quotidiana, si inserisce un elemento di rottura.
Come spesso accade nelle cose che scrivo, le simbologie sono presenti, ma non vanno ricercate rischiando così di perdere il piacere di leggere; simboli appariranno a ciascuno di voi quando meno ve lo aspettate ed in tempi diversi, più spesso dopo la prima lettura, mentre lo leggerete, ma anche nei sogni.
Il romanzo si presta così ad essere letto su più livelli: narrativo, metaforico ecc e chi più ne ha più ne metta. Sarete liberi di sbizzarrirvi nel condividere tutto quello che ha mosso nei vostri cuori e, forse, quello sarà veramente il momento più bello.

Silenziosamente al mattino spicca il tuo volo 2

Il titolo completo del romanzo in ebook  è Silenziosamente al mattino spicca il tuo volo.
Di chi si sta parlando? E chi sta rivolgendosi a chi?
Azzardiamo una risposta ornitologica…ad un airone cinerino? Magari….e chi parla agli aironi? Non dirmi, ancora un libro su san Francesco?
No.
Una risposta politica….ad un deputato disonesto intrallazzato? Forse, e chi gli dice una cosa del genere? Una talpa in questura?
No.
Una risposta liberatoria…ad un carcerato che da mesi ha preparato la sua evasione? E’ il suo compagno di cella che gli parla dopo aver deciso di non seguirlo nell’avventura?
No.
Una risposta laica…ad un marito che vuole scappare dalla moglie? E’ l’amico che lo consiglia?
No.
Una risposta da paura….lui deve essere operato ma ha una paura folle? E’ a se stesso che sta parlando, sta pensando di andarsene dall’ospedale prima che arrivino le solerti infermiere a prelevarlo?
No.
Una risposta sportiva…lei domattina farà il battesimo del volo in parapendio. L’istruttore offre al  di lei orecchio sinistro gli ultimi consigli?
No.
Una risposta di speranza….lui al risveglio spera ancora che qualcosa possa succedere. Lei, mentre fa gli scongiuri, anche.
No.
Niente di tutto questo. E’ un pensiero che pervade tutto il libro, un progetto di fuga da qualcosa che fa stare male, un percorso di crescita, un……..

Silenziosamente al mattino spicca il tuo volo 1

Avvio del sondaggio interno intitolato: come ti predisporresti a vivere mentalmente, fisicamente, ..mente…, …ente sapendo che la fine del mondo sta per accadere davvero tra pochi mesi?
D’accordo, direte, ma la fine del mondo la stiamo vivendo già da un po’, con tutte le cose terribili che succedono qui e là su questa terra….sì, ma non è la stessa cosa, noi la vediamo attraverso la televisione, noi viviamo quello che la televisione ci fa vivere, oppure guardando un film sull’argomento, ma non è come se  fossimo realmente dentro a quell’evento, …magari ci potremmo anche immedesimare e rabbrividire, chissà.
Ho guardato una foto dallo spazio della nostra meravigliosa terra, così azzurrina, innocente, sospesa nell’aere come una palla marmorizzata lanciata in aria, pronta per essere raccolta; così amorevolmente spiata dai satelliti della NASA, della CIA, del KGB, dell’AISE, sì, pure il Mossad e quanto ce n’è, come una bambina nella culla, dunque cosa faremmo tutti noi piccoli omini brulicanti di scempiaggini o di sofisticate reti di pensiero?
Il romanzo che sta per uscire in ebook racconta di come un gruppetto di persone fantastiche affronta la venuta di un immenso meteorite che, naturalmente distruggerà la nostra cara, vecchia azzurrina. Ma prima di dirvi cosa ne faranno i protagonisti della notizia utilizzate il sondaggio e meditate.

Notizie che è meglio conoscere prima della lettura e prima di rispondere al sondaggio:

– per meditare sulla fine del mondo: mettetevi in piedi: davanti alla finestra o, data la stagione anche sul balcone: fate attenzione, i movimenti tellurici di avvicinamento all’evento potrebbero destabilizzarvi e deconcentrarvi e, comunque, non prendete in considerazione gli sbandamenti di accompagnamento (che comunque già si avvertono, so che i più recettivi tra di voi li hanno già notati); la “parola di fuga” sarà “labirintite”, per favore non parlate di “cervicale” potreste pentirvene: con ogni probabilità sarete cacciati dalle vostre case,  schiacciati dalle banalità che a grappoli precederanno l’arrivo della disgrazia

– fissate un punto davanti a voi, meglio con un solo occhio, se possibile non quello dominante, basta coi giochi di potere, in vista della fine, a che servono?

– alcuni di voi non sapranno scegliere quale punto fissare: guardate davanti con l’occhio non dominante: ci può essere un solo punto, bene, è quello. Fissate fissate fissateeeeeee, beneeee…non potete addormentarvi!….Non prima che vi abbia raccontato quello che succede prima, durante, forse anche dopo l’evento.

Ah, dimenticavo, il sondaggio è interno, nel senso di interiore, cioè fatti la domanda e risponditi, poi, se vuoi, condividila.

A presto.