Foglietto Illustrativo

41Sw6cYTdOL

Sono un tranquillante.
Agisco in casa,
funziono in ufficio,
affronto gli esami,
mi presento all’udienza,
incollo con cura le tazze rotte –
devi solo prendermi,
farmi sciogliere sotto la lingua,
devi solo mandarmi giù
con un sorso d’acqua.

So come trattare l’infelicità,
come sopportare una cattiva notizia,
ridurre l’ingiustizia,
rischiare l’assenza di Dio,
scegliere un bel cappellino da lutto.
Che cosa aspetti –
fidati della pietà chimica.

Sei un uomo (una donna) ancora giovane,
dovresti sistemarti in qualche modo.
Chi ha detto
che la vita va vissuta con coraggio?

Consegnami il tuo abisso –
lo imbottirò di sonno.
Mi sarai grato (grata)
per la caduta in piedi.

Vendimi la tua anima.
Un altro acquirente non capiterà.

Un altro diavolo non c’è più.

Wislawa Szymborska, Ogni caso, 2003

 

La Giornata della Poesia nel condominio

szymb2Per la Giornata della Poesia.

Cimiteri ha scritto nella bacheca del Blumen, vicino al cartello “Basta buttare cuicche per terra che si scivola e puzzano!!!” di anonimo, lo stralcio da “Le Confessioni della Macchina che sa Leggere” di Wislawa Szymborska.

“Non per vantarmi –
leggo anche la lava
e sfoglio la cenere.”

meditate gente, meditate!