Una vita, quasi due di Miriam Mafai e La ragazza del secolo scorso di Rossana Rossanda – Recensione doppia

una-vita-quasi-dueCiò che colpisce, leggendo certe biografie, è il senso dell’ineluttabile. Mafai non aveva mai seriamente pensato a se stessa come autrice di una autobiografia, poi ad un certo punto della sua vita se n’è convinta ed ecco quest’opera, “Una vita, quasi due”, necessariamente incompiuta per due ovvi motivi, che un’autobiografia non può che essere, per necessità di cose, incompiuta e perchè non le è bastato il tempo per arrivare a raccontare tutta la sua vita. Peccato, viene da dire, forse più che le sue storie sulla militanza politica dagli anni di formazione, sempre entusiasmanti per l’ardore giovanile, avrei voluto conoscere tutto della donna che ha vissuto due terzi della sua vita a inseguire sogni e che ha anche avuto la fortuna, molti di questi, di vederli materializzati. 11906_a27565Quello che appare tra le righe è il ritratto di una donna forte, forte fino all’ultimo; una donna realista e sognatrice al tempo stesso, soprattutto coraggiosa, sempre. Leggendo Mafai mi è venuto in mente in parallelo, un’altra autobiografia che lessi tempo fa, quella di Rossana Rossanda “La ragazza del secolo scorso”; sono andata a cercare il volume nella mia biblioteca, prezioso dono di persone a me care, l’ho estratto dall’incastro amorevole dei suoi fratelli ed ecco un’altra donna in copertina, non mi sorride come l’altra, ma entrambe, stranamente, sostengono il viso tra le mani, come sepali un bocciolo di fiore…Un fiore che cattura il tuo sguardo, Mafai, un fiore dallo sguardo lontano che basta a se stesso, Rossanda. Basta voltare pagina e una girandola colorata di avvenimenti intensi, la vertigine di una vita totalizzante, pienamente spesa per un ideale ti trascinano nella storia d’Italia e d’Europa del novecento. Quanto le sento lontane dal sentire d’oggi queste donne forti che han saputo essere sempre se stesse in ogni momento, colonne portanti in gruppi maschili di pari, prima del ’68. Di queste due donne, che avanzando solenni e a passo sicuro nel secolo breve che hanno attraversato, non si può certo dire come Edgard Lee Master in George Gray ..”Dare un senso alla vita può condurre alla follia, ma una vita senza senso è la tortura….”

Annunci

Silenziosamente al mattino spicca il tuo volo: la recensione di Critica Letteraria

Potete leggere la recensione originale su Critica Letteraria.

“Silenziosamente al mattino spicca il tuo volo”: la fantascienza poetica e ironica di Enrica Corradini

Silenziosamente al mattino spicca il tuo volo, titolo ispirato ad un principio espresso nell’antico Libro del Sigillo del Cuore, segna l’esordio di Enrica M. Corradini nel mondo dell’ebook.

Se vogliamo essere precisi e inserire questo romanzo in un genere ben definito, potremmo collocarlo tra la fantascienza e la storia di formazione. Una fantascienza però che assomiglia terribilmente alla realtà. Siamo sulla Terra, in un anno non ben precisato che pare fratello di gemello di questo 2012 appena concluso. L’umanità attende l’inesorabile fine del pianeta provocata dal terribile impatto con l’asteroide più grande dal tempo dei dinosauri. Questione di mesi e del nostro corpo celeste non resterà nulla.

Nelle città, governate dalla Multipotenza Mondiale, enormi pannelli con il conto alla rovescia ricordano giorno e notte quanto manca all’impatto. Così è inevitabile che la popolazione si prepari all’impatto: chi con rassegnazione, chi cercando di organizzarsi per sopravvirere, chi con scetticismo o fatalismo. Ma la vita, nonostante tutto, continua coi problemi di sempre e se negli asettici quartieri per bene “la fine del mondo” è uno degli argomenti che tiene banco maggiormente, chi vive nelle zone dormitorio-discarica, enormi quartieri fatiscenti invasi dal degrado e dalla spazzatura, le priorità sono ben altre.
In questo scenario si dipana la vicenda di Giorgio, diciottenne, alla disperata ricerca di una via di fuga dal padre violento e da una madre indifferente.  Il ragazzo decide di andarsene di casa, cercare un lavoro qualsiasi che gli permetta di terminare l’ultimo anno delle superiori e almeno vivere in pace gli ultimi mesi prima della fine del mondo. Mette a punto un piano grazie al quale riesce a fare perdere le proprie tracce ai genitori. Ora è necessario trovare un lavoro part time e un tetto sulla testa, ma grazie ad un colpo di fortuna viene assunto come dog-sitter dalle stravaganti signorine Gina e Tina Baldi che, assieme al loro ancor più stravagante e vecchissimo padre, lo accolgono nella propria casa come un figlio. Inizia così per Giorgio una nuova vita condita di episodi surreali: l’amicizia con Viola, che soffre per un rapporto difficile con la propria madre, la consapevolezza di cosa significa realmente vivere in una famiglia, la possibilità di godersi l’adolescenza serena che fino ad allora gli era stata negata. Ma i mesi passano e l’asteroide si avvicina…

Enrica M. Corradini racconta una storia dolce-amara, drammatica e buffa allo stesso tempo, con un tocco di surreale svagatezza che la rende magica e speciale. Che insegna a sdrammatizzare, a sorridere pure quando ci si sente impotenti di fronte ad eventi più grandi di noi. Perché prendere la vita con ironia e alimentare con levità i nostri sogni credendoci fino in fondo sono le uniche armi che abbiamo per sopravvivere ad un mondo sempre più folle che si sta precipitando a rotta di collo verso la deflagrazione finale. E anche negli ultimi istanti, quando ormai pare tutto perduto, è il nostro sogno, la fiammella che continua ad ardere nel cuore, che potrebbe dar vita ad un nuovo inizio.

Com’è nato Silenziosamente al mattino spicca il tuo volo

copertina Silenziosamente

Non tutti, naturalmente, ma molti di noi sono influenzati dalle scadenze. Le scadenze delle tasse, per esempio, a volte possono irritare, soprattutto quelli che le pagano, e anche volentieri, sperando di trovarne un ritorno di orgoglio nei servizi; le scadenze dei compleanni che a volte ci allietano (quelle degli altri) a volte ci rattristano (magari le nostre), le ricorrenze di nascite, morti, ecc. di personaggi famosi che ci fanno sentire intelligenti e colti, le scadenze stagionali che ci fanno dire che le stagioni non sono più come quelle di una volta e se chiedi come erano quelle di una volta ti rispondono cose inverosimili tipo a marzo andavamo a piedi scalzi sull’erba… Ma la scadenza più curiosa l’ho letta su un quotidiano nella pagina scientifica. Per l’anno 2035 è prevista la possibilità di rischio di impatto di un enorme meteorite sul nostro (si fa per dire) pianeta. La notizia per me è forte, nasce da studi e calcoli estremamente precisi, non si tratta di una profezia come quella del 21/12/2012. La cosa curiosa è stata il fatto che il romanzo nella versione inglese è nato al mondo proprio il 21/12/2012: ecco il felice miscuglio di certezze e incertezze, di ragione e follia che domina la nostra esistenza e che io, personalmente adoro. Da questa notizia è nata l’idea di scrivere il romanzo visionario “Silenziosamnte al mattino spicca il tuo volo”. Immaginare cosa sarebbe potuto succedere in un periodo precedente la data prevista; nel 2035 saranno più precisi e ci diranno forse anche i giorni probabili di impatto. Ho provato a immaginare come avremmo affrontato la cosa, come varie categorie di persone avrebbero affrontato la cosa. Contemporaneamente, in quel periodo stavo rileggendo un’opera meravigliosa che è “Il segreto del fiore d’oro” di T’ai I Chin Hua Tsung Chih col commento di Richard Wilhelm sul testo originale e il commento di C. G. Jung. Il testo rivela che occorre mettere mano al lavoro sull’essere e non perdere la giusta via e, per fare questo, si deve mettere in movimento la luce interiore per poi fissarla e così, cristallizzandosi, essa costituisce il nostro corpo spirituale naturale. Per questo si cita il “Libro del Sigillo del Cuore” quando dice “Silenziosamente al mattino spicca il tuo volo”, esso ti insegna a volare e a rinascere. Tutti i mutamenti della coscienza spirituale dipendono dal cuore. Cosa c’era di meglio di questo felice connubio tra un mondo che sta per andare in rovina, le tante energie potenti racchiuse in un adolescente i cui genitori han perso i contatti con il loro obiettivo, persone che sbarcano il lunario ogni giorno, rischiando, quasi come se in qualsiasi momento stesse per accadere un disastro? Forse la via del cuore è anche quella giusta per salvarci dal meteorite?…

English edition per Silenziosamente al mattino spicca il tuo volo

Enrica Maria Corradini _ Silently in the morningIl 21/12/2012 mentre una parte dell’umanità attendeva timorosa che si compisse la profezia dei Maya e l’altra continuava imperterrita a farsi i fatti propri, ha visto la luce l’edizione in lingua inglese di Silenziosamente al mattino spicca il tuo volo.

Silently in the morning thou filiest upward ha anche un blog dedicato ai lettori di lingua inglese.
Questo è il link.